Ufficio Cittadino - Sportello C.A.F. - Prov.le di Sassari
Casartigiani Service
Vai ai contenuti

DL TERREMOTO: Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma

Casartigiani Service
Pubblicato da Casartigiani Roma in Artigiani · 13 Ottobre 2016
Roma 11 ottobre 2016 - Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge che, in 53 articoli, fissa i capisaldi di tutti gli interventi necessari alla ricostruzione e al sostegno alla ripresa economica delle zone colpite dal terremoto in Centro Italia del 24 agosto. La struttura articolata e dettagliata del provvedimento - si legge nel comunicato stampa divulgato dalla a margine della riunione - ne fa una sorta di vademecum  con l’obiettivo di essere, per quanto possibile, esaustivo.
Molteplici le misure di sostegno previste: risarcimento integrale per le case e gli edifici colpiti, prestito d’onore per il riavvio delle attività produttive, cassa integrazione in deroga per i lavoratori di imprese coinvolte nel sisma, rinvio di imposte e tasse per quanti (singoli e imprese) documenteranno che l’impossibilità del pagamento è strettamente connessa al terremoto.
Legalità e trasparenza: per assicurare il massimo della regolarità in tutte le fasi, il provvedimento – oltre alla supervisione dell’Anac – prevede una centrale unica di committenza, un albo delle imprese e uno dei professionisti, oltre a garantire dati costantemente aggiornati.
Infine, la governance, la cui cifra è il raccordo tra Governo centrale e territori interessati dal sisma: il Commissario straordinario viene infatti affiancato dai Presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria come Vice Commissari e da quattro Uffici speciali per la ricostruzione (uno per ogni Regione).
Nei 60 Comuni del cratere del sisma (indicati dal decreto) dunque, sia le prime che le seconde case avranno un contributo pari al 100% del valore dell'intervento di ricostruzione. Il calcolo terrà conto della superficie dell’immobile danneggiato o distrutto, del suo valore al metro quadro e dei costi per la progettazione dell’intervento di ripristino.
Al di fuori del cratere, invece, per ottenere il risarcimento dei danni bisognerà dimostrare il nesso con il terremoto del 24 agosto. In queste zone  le seconde case potranno avere un contributo pari al 50% del valore dell'intervento.
 
Per quanto riguarda il capitolo dei contributi alle imprese, è prevista la possibilità per le PMI di richiedere prestiti agevolati per riprendere la loro attività fino a 30mila euro da rimborsare in dieci anni. Per coloro che intendessero invece far nascere una nuova impresa sarà possibile chiedere fino a 600mila euro da rimborsare in otto anni con tre anni di preammortamento.
L’Inail metterà inoltre a disposizione 30 milioni di euro per la messa in sicurezza degli immobili produttivi.
Tra le altre misure di sostegno ci sono anche la cassa integrazione in deroga per i lavoratori di imprese coinvolte nel sisma e il rinvio di imposte e tasse per quanti documenteranno che l’impossibilità del pagamento è strettamente connessa al terremoto.
CASARTIGIANI esprime apprezzamento per le misure adottate in tempi brevi e si augura che si continui senza nessuna frapposizione su questa linea e volontà. Per quanto riguarda gli iscritti a CASARTIGIANI, prosegue il contatto per ogni tipo di sostegno e si ringraziano in particolare i Dirigenti dell’associazione di Brescia e Mario Bettini.



Casartigiani Service
Ufficio Cittadino - Sportello C.A.F. - Prov.le di Sassari
Torna ai contenuti